SPETTACOLI PER LE SCUOLE 2016/2017

 

SPETTACOLI PER LE SCUOLE MATERNE ED ELEMENTARI

 

IL PIU’ GRANDE UOMO SCIMMIA DEL PLEISTOCENE

Adattamento teatrale di Gianni Pontillo dal romanzo di Roy Lewis

"Il libro che avete tra le mani è uno dei più divertenti degli ultimi cinquecentomila anni. Detto così alla buona, è il racconto comico della scoperta e dell'uso, da parte di una famiglia di uomini estremamente primitivi, di alcune delle cose più potenti e spaventose su cui la razza umana abbia mai messo le mani: il fuoco, la lancia, il matrimonio e così via. È anche un modo di ricordarci che i problemi del progresso non sono cominciati con l'era atomica, ma con l'esigenza di cucinare senza essere cucinati e di mangiare senza essere mangiati." Divertentissimo.

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE NEI MESI DI NOVEMBRE 2016 E MARZO 2017

IL SOLE E LA COMETA

Adattamento teatrale a cura di Gianni Pontillo

Dall’omonimo libro per bambini di Sergio Bambarén

 

Bambarén, autore e narratore del libro “Il sole e la cometa”, racconta storie fantastiche e affascinanti che vanno oltre la quotidianità, per il loro aspetto magico e, contemporaneamente, riprendono molti aspetti della nostra vita. Con la sua usuale maestria, Bambarén ci conduce in "magici mondi a fantasticare sui tanti miracoli che accompagnano il nostro vivere quotidiano" e ci narra affascinanti storie dai singolari protagonisti.

Agli occhi degli spettatori, la vicenda del sole e della luna rappresenta qualcosa che va oltre il magico ed abbraccia la quotidianità. Come il sole aspetterà il momento propizio per incontrare la sua luna in una eclissi, l’istante in cui il giorno lascia il posto alla notte, così l’uomo aspetterà quel momento magico alzando gli occhi in cielo e accorgendosi della meraviglia del mondo celeste.

Tanti personaggi incantevoli, tanti racconti eterei come nuvole sul mare, un vero invito a dispiegare le proprie ali e a prendere il volo dalle distese oceaniche cui ci ha abituato un autore che sa fondere magistralmente fantasia e semplicità. E il viaggio prosegue anche sul palcoscenico, nell'adattamento curato da Gianni Pontillo, che prevede un allestimento ricco di musiche, di danze, di colori e di personaggi divertenti e scaltri, di proiezioni e di pupazzi.

Le parole usate nella narrazione sono semplici come quelle delle fiabe per bambini. L’intero testo è simbolo della semplicità della vita.

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE NEI MESI DI DICEMBRE 2016 E FEBBRAIO 2017

 

SPETTACOLI PER LE SCUOLE MEDIE E MEDIE SUPERORI

 

 

QUESTA E’ LA VITA

(tre atti unici di Luigi Pirandello)

 

LA GIARA: Nella novella come nella commedia, traspare chiaramente la tematica della roba, ripresa dal Verismo verghiano, descritta con il morboso attaccamento di Don Lolò ai beni materiali: la sua funzione nella commedia, comunque, supera la visione del realismo verista, creando invece un effetto tragicomico.

 

LA PATENTE: Una delle tragedie umane più frequentemente affrontate nell’opera di Luigi Pirandello è quella dell’Uomo costretto a doversi aggrappare, per sopravvivere, a quelle “maschere” imposte dalla società borghese fino al punto da immedesimarsi completamente in esse… fino al punto di restarne assorbito soffrendo la scarnificazione della propria personalità.

 

L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA: L'uomo dal fiore in bocca è un perfetto esempio di dramma borghese nel quale convergono i temi dell'incomunicabilità e della relatività della realtà.  

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE  NEI MESI DI APRILE 2017

 

SE QUESTO E’ UN UOMO

(lettura interpretativa di Gianni Pontillo – dal romanzo di Primo Levi)

Musiche originali del M° Riccardo Joshua Moretti  

 

Un uomo e il suo ricordo, che diventa memoria di una intera umanità. Una memoria scomoda, inquietante, che purtroppo, proprio per le sofferenze che suscita, spesso si tende a rimuovere.

È la memoria di un crimine, assoluto e terribile… è la memoria delle sue vittime, di tutte le sue vittime, sia i morti che i sopravvissuti, sui quali, forse, è ricaduto il peso più doloroso e difficile a sostenersi… il peso, appunto, della memoria. Vittime tutti, e tutti diventano vittime di una intera umanità.

Dal romanzo di Primo Levi uno spettacolo che va oltre il testo, la lettura drammatica,  il documento storico.La voce di Gianni Pontillo, l’adattamento di Giorgio Solieri, le musiche originali di Joshua Moretti  e la cruda memoria di documenti filmati d’epoca vengono, più che cuciti, sapientemente mescolati dalla regia dello stesso Pontillo in un unicum straordinario, in un’ora e mezzo di Teatro allo stato puro.

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE A PARTIRE DAL MESE DI GENNAIO

(In occasione della “giornata della memoria” del 27 gennaio lo spettacolo è sempre stato molto richiesto.Per questo motivo vi consigliamo di prenotare per tempo)

LA MANDRAGOLA

di Niccolò Machiavelli

Si tratta di un’opera teatrale basata su una spietata e realistica indagine della natura umana e della corruzione della società, che decreta il naufragio della morale tradizionale e familiare. Anche Machiavelli ci fornisce una possibile definizione dell’opera nel Prologo, dicendo che si tratta di una “favola”, ma in realtà questa è una commedia molto particolare ed originale. Infatti la “Mandragola” rappresenta una parodia caricaturale del pensiero serio, scaturendo un effetto comico, ma allo stesso tempo doloroso e aspro; il riso al quale si è mossi non ha una funzione liberatoria, ma è serio e fa riflettere. Questa “favola” è una “tragedia dissimulata nelle forme della commedia”, poiché nasce da uno stato d’animo vendicativo dell’autore, come emerge dal prologo in cui si scaglia contro i maldicenti. Tuttavia, pur trattandosi di una commedia, essa presenta gli stessi contenuti della grande opera tragica del Machiavelli: il “ Principe”.

L’adattamento che presentiamo rispetta in pieno il numero dei personaggi e le ambientazioni. E’ stato snellito e facilitato il linguaggio originale, inaccessibile ai giorni nostri, rendendolo fruibile e snello. Non mancano situazioni comiche, gags e musica.

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE DAL 1 AL 15 FEBBRAIO 2017

LE ALLEGRE COMARI DI WINDSOR

da William Shakespeare

 

Le allegre comari di Windsor è una delle opere meno conosciute del grande drammaturgo. Il testo narra quindi la storia di Falstaff che, in cerca di denari e fortuna, manda la stessa lettera d'amore a due donne sposate ed abbienti: la signora Ford e la signora Page. Entrambe le donne, scoperto l'inganno, decidono di punire il mascalzone gettandolo in una cesta di panni sporchi nel Tamigi al primo appuntamento, bastonandolo al secondo e facendolo assalire da una falsa orda di fate e folletti durante il terzo. Contemporaneamente a questi fatti, s'intrecciano le vicende amorose che coinvolgono la figlia della signora Page ed i suoi numerosi corteggiatori.

 Il nostro divertentissimo allestimento prevede cambi di scena, canzoni cantate dal vivo, scenografie e costumi d’epoca.

LO SPETTACOLO SARA’ DISPONIBILE DAL 14 MARZO AL 5 APRILE 2017

MISTERO BUFFO

di Dario Fo

Uno spettacolo che abbraccia oltre quarant’anni di ricerca, aggiunte e modifiche. Nato dallo studio e dal desiderio di “riportare” sul palcoscenico le tradizioni popolari di affabulazione e di “teatro epico”, attraverso la nobile ed intramontabile arte della giullarata, Mistero Buffo rappresenta l’apice della produzione dell’ultimo Nobel italiano.

Dario Fo contribuisce in maniera determinante alla divulgazione di una tradizione antica attraverso mimica, linguaggio onomatopeico, grammelot e quanto altro derivi dalla Commedia dell’Arte.

Lo spettacolo è stato rappresentato con grande successo, oltre che in Italia, anche in Lituania (Teatro nazionale di Vilnius), Algeria (Teatro Nazionale di Algeri), Cuba (Teatro Nazionale de L’Havana), Germania (Monaco di Baviera e Amburgo), Grecia (Atene), Brasile (Rio de Janeiro). Vincitore del premio “STELLA D’ARGENTO” per i monologhi al Festival Nazionale di Teatro di Allerona 2015.

Teatro Dafne

Via Mar Rosso 327
00122 Ostia Lido (Roma)
Tel. 065667824 - teatrodafne1@libero.it

Novità

Stampa Stampa | Mappa del sito
© A.C. Opera Mar Rosso 327 00122 Roma